Ogni nostra cognizione prencipia da sentimenti.
Quelli che sinnamoran di pratica sanza scienzia son come l nocchier chentra in navilio senza timone o bussola, che mai ha certezza dove si vada.
Leonardo da Vinci (Anchiano, mboise, autore poliedrico e talento universale del Rinascimento, è considerato uno dei più grandi geni dellumanità.
E spesso quando vedo alcun di questi pigliare essa opra in mano, dubito non si come scimia sel mettino al naso o che mi domandi se è cosa offerte volantino crai torino mangiativa Nessuno effetto è in natura sanza ragione; intendi la ragione e non ti bisogna sperienza.Non essendo io pittore non entro in merito a questo giudizio, ma questa sera mi sono venuti in mente gli schizzi di Leonardo Da Vinci.O speculatore delle cose, non ti laldare di conoscere le cose che ordinariamente per sé medesima la natura conduce.La semplicità è lultima sofisticazione.Fuggi quello studio del quale la risultante opera more colloperante dessa.Se la cosa amata è vile, lamante si fa vile.
De 5 sensi, vedere, uldir, odorato sono di poca proibizione, tatto e gusto.
E questa è la vera regola come li speculatori delli effetti naturali hanno a procedere, e ancora che la natura cominci dalla ragione e termini nella sperienzia, a noi bisogna seguitare in contrario, cioè cominciando, come di sopra dissi, dalla sperienzia, e con quella investigare.Naturalmente li omini boni desiderano sapere.Prima di lui, nei ritratti manca il mistero; gli artisti non hanno raffigurato che forme esteriori senza lanima o, quando hanno caratterizzato lanima stessa, essa cercava di giungere allo spettatore mediante gesti, oggetti simbolici, scritte.La cosa cognosciuta col nostro intelletto.La Meccanica è il paradiso delle scienze matematiche, perché con quella si viene al frutto matematico.Quando la cosa unita è conveniente al suo unitore, li seguita dilettazione e piacere e sadisfazione.





Non per nulla infatti il disegnare il volto di una donna è tra le imprese più ardue dei pittori.

[L_RANDNUM-10-999]