Risconto (sconto da banca scontante ad altra banca).
La banca che ha scontato tratte documentate ha sulla merce lo stesso privilegio del mandatario finché il titolo rappresentativo è in suo possesso.
Se il cliente dispone di un affidamento sufficiente a coprire il valore nominale degli effetti presentati e se gli effetti presentati posseggono tutti i requisiti necessari per poter essere accettati, la banca accredita sul conto corrente del cliente il valore nominale dei titoli presentati.Con lo sconto di titoli di credito la banca acquista tutti i diritti spettanti al prenditore o al giratario di cambiale (p.e.Evoluzione diretta del contratto in esame è il factoring, regolato dalla.La ragione di questo tipo di operazione è da ricercare nel bisogno di un privato, solitamente un imprenditore, di ottenere in maniera celere e sicura la disponibilità di una somma di denaro da destinarsi alla sua attività.Nella pratica è ormai poco frequente incontrare il contratto di sconto isolato, mentre solitamente la singola operazione si inserisce in un quadro di rapporti economici più ampi tra il cliente e la sua banca.Questo non toglie che la banca ha la possibilità di scontare anche altri tipi di titoli, come per esempio i titoli rappresentativi di merci (art.Contratto col quale la banca, previa deduzione dellinteresse, anticipa superenalotto ultima estrazione verifica vincite al cliente limporto di un credito verso terzi, rappresentato generalmente da cambiali, che il cliente non è in grado di realizzare immediatamente, o perché lo stesso non è ancora scaduto, o perché il pagamento deve avvenire.Condizioni economiche, tassi - Tratte e pagherò max 9,50, chiusura rapporto max.Sconto, stato, italia, art.Essa, cioè, in caso di inadempimento del cliente scontatario e di conseguente vendita forzata delle merci, può soddisfarsi sul ricavato, essendo preferita agli altri creditori.
L'anticipo su effetti e gli anticipi su fatture sono due degli elementi caratterizzanti le aperture di credito.Bisogna però specificare che: il debito di restituzione del cliente sorgerà solo alla scadenza del credito ed al mancato pagamento del terzo; la banca potrà pretendere solo la restituzione del valore nominale del credito, maggiorato degli eventuali interessi di mora, senza avere diritto alla liquidazione.Infatti la cessione che va perfezionandosi in questo caso sarà del tipo "salvo buon fine" o "pro solvendo ciò a dire che se alla scadenza il terzo ceduto non dovesse adempiere alla propria obbligazione verso la banca, questa potrà rivalersi sul cedente.La banca, ricevute le fatture, ne controlla i requisiti e, se il cliente dispone di un affidamento sufficiente, accredita l'importo delle fatture sul conto del cliente.Non potrebbe, pertanto, formare oggetto di sconto la cambiale tratta non accettata.Diritti di brevità - per ogni effetto pagabile su piazza che non giunga alla cassa almeno 12 giorni prima della scadenza 3,36 - per ogni effetto pagabile fuori piazza che non giunga alla cassa almeno 20 giorni prima della scadenza 3,36, ritorno di effetfi taglia42 protestati.



fatture commerciali, crediti non cartolari (semestralità e annualità dovute dallo Stato o da enti pubblici territoriali) oppure crediti incorporati in titoli di natura non cambiari.
Anche questi effetti vengono accreditati salvo buon fine, quindi se a scadenza vanno insoluti la banca ne addebita il valore nominale e le spese di protesto sul conto corrente del cliente che li aveva presentati all'anticipo.
Se, poi, loperazione avviene in attuazione di un castelletto di sconto, si avrà unapertura di credito, accompagnata per gli scopi sopra visti dal contestuale rilascio di una cambiale.

[L_RANDNUM-10-999]